Trova il tuo parcheggio

INGRESSO

USCITA

Puoi annullare gratuitamente la tua prenotazione fino a 24 ore prima dell'ingresso

INGRESSO

USCITA

Puoi annullare gratuitamente la tua prenotazione fino a 24 ore prima dell'ingresso

Torna agli articoli > Dalla Rete al Motore: tecnologia e mobilità

Dalla Rete al Motore: tecnologia e mobilità

Il futuro dell'automotive è sempre più smart

Quello della mobilità è un settore in cui la tecnologia sta facendo grandi passi avanti, in ambito digitale e non solo.

In Rete MyParking ha certamente fatto da apripista a un nuovo modo di intendere la mobilità, identificandone il parcheggio come parte integrante e, per certi aspetti, innestandosi sul grande tema della sostenibilità che è oggi più che mai sotto i riflettori.

Online dal 2007 e prima piattaforma in Italia interamente dedicata alla prenotazione e al pagamento online del parcheggio, MyParking si è imposto sin dagli esordi come un utile strumento per parcheggiare in modo intelligente e responsabile, mettendo in comunicazione la domanda degli automobilisti con l’offerta di gestori di parcheggio accuratamente preselezionati e qualificati.

Prenotare parcheggio dal PC o dallo Smartphone

Prenotando e pagando in anticipo il parcheggio con MyParking -  in tutta sicurezza e a costi competitivi – si ha infatti l’opportunità di assicurarsi un posto auto adatto alle proprie esigenze presso una delle oltre 500 strutture affiliate, tutte situate in zone strategiche: nelle principali città italiane e in corrispondenza dei maggiori porti, stazioni ferroviarie e aeroporti italiani. Riguardo a questi ultimi è sempre interessante, per gli utenti, risolvere a monte il problema del parcheggio, individuando soluzioni affidabili ed economiche, che permettano di non “sforare” da budget di viaggio magari faticosamente contenuti con l’acquisto di biglietti presso compagnie low cost.  Utilizzare MyParking per individuare, ad esempio, qual è il parcheggio migliore a Malpensa? Oppure qual è il parcheggio più economico a Malpensa? O, ancora, per sciogliere dubbi riguardo a dove parcheggiare a Malpensa T2? è dunque una soluzione semplice e “smart”.

La piattaforma, infatti, consente di pianificare ogni spostamento sapendo ancor prima di partire dove lasciare l’auto; e permette di evitare lunghe ed estenuanti ricerche che, oltre a fare perdere tempo prezioso, contribuiscono a creare code e congestionamenti di traffico. La prenotazione online, poi, fa sì che la ricerca del parcheggio possa essere gestita in modo rapido e pratico tramite PC o smartphone, e prevede sconti e facilitazioni per gli utenti e le aziende che si registrano al sito, e che possono ricevere comodamente le fatture direttamente da MyParking. La piattaforma si propone così come un unico interlocutore, facilitando anche la gestione contabile.

Auto che si parcheggiano da sole

L’uso della tecnologia per i servizi legati alla mobilità si è, negli anni successivi, imposto su più fronti: in prima battuta per il car e il bike sharing e per il trasporto pubblico. Oggi, sulla scia di esempi virtuosi che arrivano da grandi città europee, i tecnici e le amministrazioni cittadine si stanno concentrando in modo particolare sul cosiddetto “IOT” (Internet of Things, Internet delle cose) per gestire in modo sempre più fluido e integrato i flussi di traffico e rendere le città più vivibili.

Altri interessanti novità riguardano le auto. Restando in tema parcheggio, stanno suscitando grande eco le vetture in grado di “parcheggiarsi autonomamente”: presso l’aeroporto di Stoccarda, in Germania, Bosch, Mercedes Benz e Apcoa hanno dato vita al progetto “Automated Valet Parking”, che vede protagonista la Mercedes-Benz Classe S, prima vettura dotata di una tecnologia che le permette di ricevere da smartphone il comando necessario a farle raggiungere in autonomia lo spazio che è stato riservato alla vettura in un parcheggio.

La sperimentazione di questa funzione, di sapore quasi fantascientifico, è stata avviata presso l’area specifica P 6 dell’Aeroporto di Stoccarda, predisposta in modo che queste auto possano essere lasciate all’ingresso per poi dirigersi in autonomia verso stalli dedicati, organizzati in un’ottica di ottimizzazione dello spazio. Certo, al momento l’esperimento è rappresentativo di un fenomeno di nicchia, ma suggerisce una realtà destinata a prendere sempre più piede.

Il futuro elettrico della mobilità

Del resto anche ciò che, fino a poco tempo fa, si guardava ancora “con il binocolo” adesso prende forme sempre più concrete: è il caso delle auto elettriche, che si stanno diffondendo in misura sempre maggiore in Europa. I dati diffusi dal report Transport and Environment ci dicono che nel 2020 si è registrato un aumento del + 10% nelle vendite: numeri probabilmente dovuti a standard europei sulle emissioni di CO2 sempre più severi.

Sono in particolare le case automobilistiche cinesi che appaiono particolarmente aggressive sul mercato: la MG, per esempio, punta a Francia, Norvegia e Paesi Bassi; la BYD e della NIO si stanno concentrando su modelli di SUV elettrico e la ORA sta lavorando a modelli alternativi alle city car. Dalla loro hanno una massiccia richiesta proveniente dal mercato interno, che consente grandi economie di scala: il loro lavoro di ricerca potrebbe quindi rendere sempre più concreta una realtà che, nel Vecchio Continente, pareva fino a qualche anno fa lontana anni luce, e alla quale le infrastrutture dovranno adeguarsi molto rapidamente.

REGISTRATI!
GESTIRE LA TUA PRENOTAZIONE SARÀ PIÙ FACILE E VELOCE
Accedi a numerose offerte esclusive
Risparmi tempo
Puoi modificare e scaricare le tue prenotazioni in ogni momento